Loading...

Solenni Festeggiamenti in onore della Beatissima Vergine dell'Olmo.

MESSAGGIO DELL'ARCIVESCOVO S.E. ORAZIO SORICELLI

Carissimi Fedeli,
 
ritorna sempre cara e attesa la Festa della Madonna dell’Olmo, Celeste Patrona della Città di Cava de’ Tirreni.
E’ un appuntamento importante e signifi cativo per la nostra vita di fi gli che desiderano incontrare, con il cuore colmo di gioia, la Madre. 
La Vergine Santissima ci attende e ci accoglie insieme al suo Figlio Gesù per indicarci la strada della piena realizzazione della nostra esistenza umana e cristiana: la santità.
 
A quanti giungeranno ai piedi dell’Olmo auguro di fare un cammino vissuto con fede e di avanzare verso Dio con la consapevolezza di essere annunciatori e testimoni della bellezza del Vangelo.
Viviamo un tempo segnato da forti contraddizioni e abbiamo bisogno di riferimenti sicuri che indicano la rotta del cammino, che interpellano sul bene e sul male, sul vero e sul falso, sul vivere e sul morire.
Orientiamo il nostro sguardo verso Maria, sia Ella la stella che guida il nostro cammino umano e cristiano e lo conduca alla sua piena maturazione.
 
Nella preghiera apriamole il cuore con la fi ducia dei fi gli che si abbandonano tra le braccia della più tenera tra le madri: «È la santa tra i santi, la più benedetta, colei che ci mostra la via della santità e ci accompagna. Lei non accetta che quando cadiamo rimaniamo a terra e a volte ci porta in braccio senza giudicarci.
Conversare con lei ci consola, ci libera e ci santifi ca. La Madre non ha bisogno di tante parole, non le serve che ci sforziamo troppo per spiegarle che ci succede.

Basta sussurrare ancora e ancora “Ave o Maria”» (Gaudete et Exultate, 176).
Quest’anno la Festa si arricchisce di un ulteriore evento di Grazia: l’indizione di un Anno Giubilare in occasione del primo centenario (1919 – 2019) dell’erezione canonica della Parrocchia di Santa Maria Incoronata dell’Olmo.

La Comunità, per celebrare al meglio quest’evento signifi cativo, ha predisposto un calendario ricco di momenti liturgici e di formazione, con la possibilità di benefi ciare dell’Indulgenza plenaria.
 
Sui pellegrini e i devoti che vivranno la Festa patronale e il Giubileo straordinario volentieri invoco, per intercessione della Beata Vergine Maria Incoronata dell’Olmo, la benedizione del Signore.
 
 
MESSAGGIO DEL SINDACO DOTT. VINCENZO SERVALLI
 
Beata Vergine Maria dell’Olmo, nel 2015, ho affi dato al tuo sguardo benevolo e misericordioso i miei passi e di coloro che sono stati chiamati alla responsabilità dell’amministrazione cittadina.

Un atto di devozione e di protezione a cui ho sempre fatto affi damento nelle scelte di questi anni, che sono state sempre improntate all’esclusivo interesse della città e dei cavesi.
Ed oggi, a pochi mesi dallo scadere del mandato elettorale, sono sereno.
Ho la consapevolezza di aver fatto quanto era possibile per migliorare la qualità della vita, come farebbe un buon padre di famiglia, nel far quadrare i conti, evitando sperperi, aiutando i fi gli più bisognosi e in diffi coltà e costruendo le condizioni affi nché si possa crescere e migliorare tutti insieme.
 
In questi anni tante cose sono state fatte e tante si stanno completando, a partire dalla chiusura di tutti i campi prefabbricati e offrendo una casa a chi ancora viveva in quelle quattro pareti di cartongesso ed eternit, mettendo a posto le scuole, le palestre, il sottovia, abbattendo ruderi, aprendo nuove strade, una nuova piazza e nuovi parcheggi stanno venendo alla luce.

Un nuovo progetto di città è stato scritto per guardare al futuro e alle sfi de che ci attendono; nuove opere sono state progettate e saranno realizzate per salvaguardare il nostro ambiente e il patrimonio lasciatoci dai nostri padri, per dare nuovi servizi alle famiglie e alle imprese, con l’obiettivo di creare opportunità di lavoro.
 
Oggi, mi affi do ancora una volta a te, Santa Patrona, affi nché aiuti tutti ad aprire il cuore alla misericordia, alla bontà, alla tolleranza, alla solidarietà, all’altruismo ed allontanare la cattiveria, l’ipocrisia, il male.
 
Rivolgo un saluto deferente ai Padri Filippini della Basilica Santuario della Madonna dell’Olmo, custodi della nostra Patrona; ai concittadini che ho avuto l’onore di servire da Sindaco in questi anni; agli ospiti che in questi giorni ci onorano della loro presenza.
 
Buona festa a tutti.

Fotogallery